#coeRenzi

04.03.2015 06:08

Ricordate quel politico che costruì le proprie fortune politiche coniando il termine rottamazione? E ricordate quel politico che diede linfa alle proprie fortune politiche dichiarando guerra ai privilegi della casta? E ricordate quel politico che annunciò urbi et orbi che era giunta l’ora di tagliare migliaia di auto blu?  Ebbene, se proprio non si è capito chi è quel politico vi do un aiutino: adesso è presidente del Consiglio. Bene, il gioco continua. Ricordate quel politico che a Capodanno si fece portare con un volo di Stato sulle piste da sci di Courmayeur accompagnato nella vacanza dalla regale consorte e dai principini? Ricordate quel politico che l’altro ieri si è fatto portare da Firenze a Roma a bordo del mitico elicottero Augusta Westland AW 139, una sorta di Rolls Royce dei cieli da 8000 euro l'ora, ma è stato beccato a causa di un atterraggio d’emergenza a Badia al Pino, in provincia di Arezzo? Se anche questa volta non avete indovinato, vi fornisco direttamente il nome: Matteo Renzi, ovvero lo spesso politico delle righe precedenti. Però attenzione: non c’è incoerenza tra un Renzi e l’altro. Provo a dimostrarlo seppure sommariamente. Sia il volo vacanziero sia il viaggio in elicottero sono stati “giustificati” con motivi di sicurezza. Già, la sicurezza. Sappiamo benissimo che le più alte cariche dello Stato – senza obbligo, come ci ha dimostrato recentemente il Presidente Sergio Mattarella – hanno a disposizione auto, aerei e elicotteri di Stato e che esistono ovviamente problemi di sicurezza. Ecco perché non ci accodiamo alle lamentale da quattro soldi messe in atto dei soliti gufi, gelosi e malpancisti che non perdono occasione per attaccare chi sta... lavorando per noi!  Non solo ci dissociamo da tali disfattisti, ma evidenziamo con piacere che per la prima volta abbiamo un presidente del consiglio che alle parole fa seguire i fatti. Aveva o no il premier dichiarato guerra ai privilegi della casta a partire proprio dalle famigerate auto blu? Certo che sì. E da quel giorno Renzi da uomo coerente utilizza raramente, molto raramente l’auto blu. Diciamo che di solito preferisce aerei ed elicotteri di Stato, magari di colore bianco. Giratela come vi pare ma questa si chiama coerenza o se preferite #coeRenzi. Perché come riporta il vocabolario la coerenza è la piena conformità tra le proprie convinzioni, le promesse e l'agire pratico. Il cerchio dunque si chiude.    

 


contatore visite html