Deriva

09.02.2015 06:36

Per quanto uno possa essere dotato di fervida fantasia mai, mai e poi mai avrebbe immaginato di sentire un giorno Silvio Berlusconi dire: “Ci stiamo incamminando verso una deriva autoritaria”.

Niente da fare, l’anziano tycoon della Brainza non può fare a meno delle frasi ad affetto, di quelle da titolo in prima pagina. Per quanto si impegni non ce l’ha fa, è più forte di lui. Gli va dato atto però che l’affermazione di per sé contiene la sua dose di verità, ma il fatto che a dirla sia l’ex cavaliere scatena una buona dose d’ilarità perché le riforme del famigerato Patto del Nazareno sono le stesse che Berlusconi ha provato a fare per vent’anni senza averne la forza. L’accenno poi alla pessima riforma elettorale equivale a dichiarare pubblicamente di essere uno stolto vista che la stessa l’ha fatta votare non più tardi di quindici giorni orsono dalla sua truppa al Senato. Poi, certo, nel frattempo sono successe alcune cosucce come l’elezione di Sergio Mattarella al Quirinale, Forza Italia che gli sfugge di mano e così via e Silvio Berlusconi c’è rimasto malissimo perché a tutto pensava meno che a farsi mettere nel sacco come un pivellino alla prime armi da Matteo Renzi, altrimenti detto lo spregiudicato di Firenze. Adesso Berlusconi partirà lancia in resta come Brancaleone alle crociate per trafiggere il dragoncello permaloso? Forse a parole, perché nei fatti ancora non è detto. Il fiorentino Denis Verdini, aspirate padre della Patria ma soprattutto uomo pratico, cerca di mettere sull’avviso l’amico: “Occhio Silvio,  che Renzi non fa prigionieri. Stai attento che questo ti ammazza, non scherza, mica è D’Alema che abbaiava solamente”. E dopo questa bella frasetta da Chicago anni ’20 cosa potrà succedere? Adesso aspettiamoci un po’ di caciara, ma poi i nostri Jerry Lewis e Dean Martin torneranno a recitare insieme magari nel remake di “Qua la mano picchiatello”. Anche perché, come dice Verdini, il fiorentino non fa prigionieri e Silvio di morire povero proprio non ha voglia. 


contatore consumo internet