Mazziato

30.01.2015 05:53

A meno di un terremoto catastrofico nella giornata di sabato Sergio Mattarella diventerà il dodicesimo Presidente della Repubblica Italiana. Pare che il nome del giudice della Corte Costituzionale non sia il frutto del famigerato patto del Nazareno, altrimenti detto “pacco” del Nazareno, sottoscritto dal pregiudicato di Arcore con lo spregiudicato di Firenze. Se la ricostruzione è vera è una buona notizia in sé, ma è buona anche in prospettiva futura in quanto la stessa potrebbe essere il preludio del tramonto del Nazareno.  Però, conoscendo i contraenti, mai dare nulla per scontato,chissà cosa sono capaci di inventarsi.  Al momento, quindi, se tutto resterà nei pronostici il vero vincitore di questa complicata mano a poker risulta essere il funambolico Matteo Renzi, mentre Silvio Berlusconi ritaglia per sé la parte del marito cornuto e mazziato o dell’amante usato per una scappatella in motel.  L’ex cavaliere, però, si consola pensando che se lui se l’è presa in saccoccia, c'è chi è riuscito a far peggio. Per la serie: lui è peggio di me. Infatti, la truppa dei Grillo boy, naturalmente mal guidata, partita per sparigliare i giochi tornò a casa sparigliata, sbrindellata e con il cerino in mano e naturalmente ininfluente a meno che i maghi delle strategie decidano poi di convergere su Sergio Mattarella. Sarebbe un tripudio! Hasta la sconfitta siempre! Quindi, per concludere: Renzi gongola, Berlusconi si lecca le ferite a Cesano Boscone. E Grillo? Beppe porterà in teatro la commedia della Casaleggio produtcion: “Io speriamo che me la cavo”. Magari la prossima volta.

 


contatori internet gratis