Straparlite

16.05.2015 07:36

Sarà destino, quello che suol dirsi cinico e baro, oppure la causa sarà un virus ancora sconosciuto ma chi appoggia l’angusto deretano sulla seggiola di presidente della Lega Nazionale Dilettanti di calcio viene assalito dalla “straparlite”, quella strana malattia che libera la lingua slegandola dal cervello. Il primo ad esserne colpito nel luglio del 2014 fu Carlo Tavecchio all’epoca presidente della Lega Dilettanti il quale, pensando di essere simpatico disse: “L'Inghilterra individua dei soggetti che entrano, se hanno professionalità per farli giocare, noi invece diciamo che “Opti Poba” è venuto qua che prima mangiava le banane e adesso gioca titolare nella Lazio e va bene così". Alla deliziosa battuta rise compiaciuto solo sé stesso e naturalmente subito dopo la Figc aprì un’inchiesta per bastonarlo per tanta gratuita stoltezza. Dopo attente analisi, sedute e processi lo bastonò così tanto che lo portò dritto dritto alla presidenza proprio della Figc. Altrochè dilettanti. È dell’altro ieri invece la perla del suo successore Felice Belloli che per non essere da meno del suo mentore in una riunione ufficiale, in relazione al calcio femminile, enunciò: “Basta! Non si può sempre parlare di dare soldi a queste quattro lesbiche”. Naturalmente il simpatico Belloli smentisce il verbale che riporta il suo illuminato pensiero e lancia la sfida: “Va dimostrato che quelle parole sono mie. Un verbale può essere stato scritto da chiunque. Bisogna dimostrare che io abbia detto quelle cose e io, ripeto, lo nego”. Per la serie: qui lo dico e qui lo nego. Ma non finisce qui. Chi scende in campo per bacchettarlo? Nientepopodimenoche l’antico maestro e mentore, quello di “Opti Poba” che tutto serio e pomposo afferma: “Se Belloli avesse detto quelle parole, sarebbe un fatto grave. Quella è una frase odiosa e inaccettabile”. Premettendo il “se” il presidente Federale sposa in prime nozze la tesi del complotto anche se annuncia un’inchieste della Figc. Come andrà a finire? Essendo la frase sulle ragazze del calcio femminile così becera, ma così becera, ma così becera che Carlo Tavecchio dovrà guardarsi le spalle. Belloli ha superato l’esame: è ormai pronto quantomeno per la presidenza della Figc.


contatori